Indietro all’elenco delle storie

Immagine a due pannelli di un uomo al computer portatile e di una donna al computer portatile.

Un uomo anziano per marito Un uomo anziano per marito

Scritto da Aranya

Illustrato da Sunniva Høiby-Øiset

Tradotto da Andrea Ciasca Marra

Letto da Andrea Ciasca Marra

Lingua italiano

Livello Livello 5

Narrare l’intera storia

Velocità di lettura

Storia in riproduzione automatica


Immagine a due pannelli di un uomo al computer portatile e di una donna al computer portatile.

Io pensavo che gli uomini norvegesi fossero i migliori del mondo, ma non è vero! Prima di incontrare l’uomo che sarebbe diventato mio marito, io lavoravo in fabbrica a Bangkok, e lui viveva a Pattaya. Ci siamo conosciuti su internet e infine ci siamo messi insieme.

Io pensavo che gli uomini norvegesi fossero i migliori del mondo, ma non è vero! Prima di incontrare l’uomo che sarebbe diventato mio marito, io lavoravo in fabbrica a Bangkok, e lui viveva a Pattaya. Ci siamo conosciuti su internet e infine ci siamo messi insieme.


Una sposa e uno sposo che si tengono per mano.

Dopo un po’ abbiamo deciso di sposarci. Io provengo da una famiglia povera, e avere un marito straniero che si prendesse cura della mia famiglia è stata una delle ragioni per cui l’ho sposato.

Dopo un po’ abbiamo deciso di sposarci. Io provengo da una famiglia povera, e avere un marito straniero che si prendesse cura della mia famiglia è stata una delle ragioni per cui l’ho sposato.


Un uomo alla guida e una donna seduta accanto a lui.

Ci siamo trasferiti in Norvegia e io ho iniziato a andare a scuola per imparare il norvegese. È stata davvero dura. Non avevo la patente, così mio marito doveva portarmi a scuola in macchina, aspettare che io finissi e poi riportarmi a casa. La scuola era a un’ora di macchina da casa. Dopo un po’ ci siamo trasferiti più vicino, ma lui comunque insisteva per portarmi in macchina alla scuola. Non voleva che ci andassi a piedi da sola.

Ci siamo trasferiti in Norvegia e io ho iniziato a andare a scuola per imparare il norvegese. È stata davvero dura. Non avevo la patente, così mio marito doveva portarmi a scuola in macchina, aspettare che io finissi e poi riportarmi a casa. La scuola era a un’ora di macchina da casa. Dopo un po’ ci siamo trasferiti più vicino, ma lui comunque insisteva per portarmi in macchina alla scuola. Non voleva che ci andassi a piedi da sola.


Una donna dall'aria triste che guarda la sua borsa vuota.

Da quando sono venuta in Norvegia raramente ho soldi. Una volta mio marito mi ha dato del denaro per il pranzo, ma io l’ho messo da parte, dal momento che ne avevo così poco. I miei amici a scuola vogliono aiutarmi a trovare lavoro, ma mio marito dice che non posso. Pensa che lavorare come donna delle pulizie non sia appropriato per me.

Da quando sono venuta in Norvegia raramente ho soldi. Una volta mio marito mi ha dato del denaro per il pranzo, ma io l’ho messo da parte, dal momento che ne avevo così poco. I miei amici a scuola vogliono aiutarmi a trovare lavoro, ma mio marito dice che non posso. Pensa che lavorare come donna delle pulizie non sia appropriato per me.


Un uomo che pensa di costruire un garage.

Lui invece aveva un altro lavoro per me: costruire un garage. Lui dirigeva i lavori e io facevo tutto quello che diceva. Non poteva far molto perché non stava bene. Non mi ha mai dato un soldo di quelli che ha ricavato dal garage.

Lui invece aveva un altro lavoro per me: costruire un garage. Lui dirigeva i lavori e io facevo tutto quello che diceva. Non poteva far molto perché non stava bene. Non mi ha mai dato un soldo di quelli che ha ricavato dal garage.


Un cane che cammina in un campo.

Un giorno mi ha detto che si annoiava a stare da solo a casa, così ha deciso di prendersi un cane. Io non volevo un cane perché dopo la scuola ero stanca e avevo dei compiti da fare. Lui diceva che avrebbe portato a spasso il cane ogni giorno, ma alla fine ho dovuto occuparmi io sia del mio anziano marito che del cane.

Un giorno mi ha detto che si annoiava a stare da solo a casa, così ha deciso di prendersi un cane. Io non volevo un cane perché dopo la scuola ero stanca e avevo dei compiti da fare. Lui diceva che avrebbe portato a spasso il cane ogni giorno, ma alla fine ho dovuto occuparmi io sia del mio anziano marito che del cane.


Un uomo che guarda un cane e una donna in piedi vicino a loro con le braccia incrociate.

Non so cosa accadrà in futuro. Io progetto di frequentare un’altra scuola ma mio marito non vuole. Pensa di trasferirsi ancora più lontano per rendermi le cose più difficili. Vorrei resistere, ma non so come. Non è facile come pensavo vivere in un paese straniero con un vecchio per marito.

Non so cosa accadrà in futuro. Io progetto di frequentare un’altra scuola ma mio marito non vuole. Pensa di trasferirsi ancora più lontano per rendermi le cose più difficili. Vorrei resistere, ma non so come. Non è facile come pensavo vivere in un paese straniero con un vecchio per marito.


Scritto da: Aranya
Illustrato da: Sunniva Høiby-Øiset
Tradotto da: Andrea Ciasca Marra
Letto da: Andrea Ciasca Marra
Lingua: italiano
Livello: Livello 5
Licenza Creative Commons
Questo lavoro è protetto da una licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Licenza internazionale.
Opzioni
Indietro all’elenco delle storie Scarica PDF